Marabottini, il “collezionista povero” che dialogava con le sue opere d’arte