“Conversazione con l’opera”, a Palazzo Baldeschi il pubblico dialoga con l’arte

PERUGIA – Domenica 17 aprile 2016, a Palazzo Baldeschi al Corso, si è svolta la prima “Conversazione con l’opera”.

L’iniziativa ha interessato il dipinto intitolato “Cadmo e il drago”, realizzato dal pittore di origini napoletane Salvator Rosa tra il 1660 e il 1669. L’opera fa parte del percorso espositivo della Collezione Marabottini, presente in forma permanente a Palazzo Baldeschi attraverso oltre settecento pezzi.
La “Conversazione” si inserisce nell’offerta didattica del museo e, in particolare, fa da contrappunto, insieme ad altre iniziative in parte già realizzate, a una proposta culturale più tradizionale, riconducibile alle visite guidate “discorsive”, che vertono sui temi più generali delle numerose opere del percorso.

La “Conversazione con l’opera” è stata proposta con il duplice intento di raccogliere i suggerimenti del professore Marabottini – riconducibili alla possibilità di ampliare la fruibilità della Collezione, come egli stesso ha dimostrato attraverso i suoi “Dialoghi” con le opere – e di invitare i visitatori ad assumere un ruolo più attivo dentro il percorso di mostra.

L’iniziativa è stata promossa senza indicare il titolo dell’opera né il nome dell’autore, in modo che i partecipanti potessero concentrarsi sulle suggestioni determinate dalla sola osservazione.In questo quadro, la prima fase dell’incontro ha assunto un profilo dialogico, che ha stimolato una conversazione sugli elementi più evidenti del dipinto: l’organizzazione delle figure, la scelta dei personaggi e il loro rapporto con la struttura dell’opera, l’uso dei colori, la definizione del paesaggio, i riferimenti storici e storico-artistici. La seconda fase è stata invece orientata da un approccio più analitico, attraverso il quale la guida ha elaborato le considerazioni dei partecipanti, convogliandole nella descrizione dell’opera, nel contesto storico-culturale entro cui è stata prodotta e in una riflessione sull’autore, la sua formazione e le caratteristiche della sua produzione. A questo scopo è stata condivisa una documentazione, composta da riproduzioni di opere realizzate da Rosa o da altri autori, selezionate in base alle loro connessioni con “Cadmo e il drago”.

La “Conversazione” – che avrà un seguito nelle prossime settimane e verrà proposta come appuntamento fisso nel calendario degli eventi di Palazzo Baldeschi – ha registrato un successo straordinario. Non solo in relazione all’alto numero di partecipanti, ma anche per l’entusiasmo, l’interesse e il grado di partecipazione emotiva che ne ha caratterizzato l’intero svolgimento.

Inoltre si è svolta nel quadro di una coerenza che era stata auspicata fin dalla fase progettuale. Una coerenza che, a partire da un approccio estemporaneo e performativo, ha sviluppato un racconto più articolato, avvincente e profondo, che può definirsi solo in quadro di confronto e dialogo.

Mostre ed Eventi