Una profondissima quiete raccontata dai curatori