Con un milione di euro l’università umbra torna a scommettere sulla ricerca di base